Temp.:

U.r.:

Vento:

Precip.:

Int. precip.:

Cartina Realtime

Visitatori online

 48 visitatori online

Visitatori



OggiOggi168
IeriIeri177
TotaliTotali3142321

Alba e tramonto a Pavia

ven 14 dicembre 2018
il sole sorge alle 07:55
il sole tramonta alle 16:41
Veloce instabilità tra la tarda notte ed il mattino. Poi rapido miglioramento ma temperature in calo PDF Stampa E-mail

Dopo la fase stabile e gradevole che ha caratterizzato gli ultimi giorni, tra oggi e domani il tempo andrà peggiorando, ma così come velocemente peggiorerà tanto rapidamente migliorerà, infatti già a partire da domani il sole al Nord tornerà a farla da padrona, mentre il Il centro Adriatico e il Sud-Italia il peggioramento si rivelerà più lungo protraendosi sino a venerdì. Ma andiamo con ordine. L’immagine del satellite mostra il fronte perturbato che ha già raggiunto l’arco alpino Occidentale. Come si può notare dalla distribuzione del campo geopotenziale, il fronte perturbato è accompagnato da una saccatura connessa con una bassa pressione presente sulle Isole Britanniche.

Nel corso delle prossime ore il Nord-Italia vivrà la fase pre-frontale. Le correnti saranno disposte da ESE, avventando verso la pianura padana aria più umida ed instabile, come testimonia l’incremento della temperature potenziale equivalente, sino a 45/48°C. In questa fase fenomeni principalmente su Alpi e Prealpi, mentre in Pianura solo nuvolosità. L’ingresso della saccatura è previsto tra la tarda nottata ed il mattino di domai, con l’arrivo di aria più fredda a tutte le quote. La massiccia dose di aria fredda in ingresso alle medio-alte quote porterà ad un notevole abbassamento dei geopotenziali, con la quota isobarica di 500hPa che arriverà sino a 558dam, con isoterme intorno ai -22°C alle medesima altezza.

Si tratterà quindi dell’ingresso di un vero e proprio fronte freddo. La presenza di aria umida nei medio-bassi strati, farà si che, in concomitanza del passaggio del fronte freddo, si possano avere rovesci e temporali. Stante la traiettoria di ingresso del fronte (da NW), la Lombardia Occidentale non sarà particolarmente colpita dai fenomeni rimanendo un po’ in ombra. Temporali e rovesci che invece colpiranno domani il NE, con episodi anche intensi. Nel frattempo l’aria fredda post-frontale raggiungerà le Alpi che però ne impediranno l’ingresso. Si avrà un conseguente accumulo di massa sul versante sopravvento alpino la quale, unita alla rimonta di un promontorio anticiclonico porterà ad un aumento di pressione sulla Svizzera, con conseguente formazione di una bassa pressione orografica sulla Val Padana.

Il processo di ciclogenesi provocherà un risucchio di aria fredda da Nord, forzato anche dalle disposizione da NW delle correnti in quota, in concomitanza col passaggio dell’asse di saccatura, che scavalcando le Alpi, subirà un effetto favonico raggiungendo le pianure di Piemonte e Lombardia sotto forma di deboli/moderati venti di Foehn. L’effetto favonico è ben visibile dalla mappa del campo termico a 850hPa: mentre al di la delle Alpi le isoterme si aggireranno intorno ai +3°C, sulla Pianura Padana occidentale nello stesso momento avremo isoterme intorno a +8°C.

Questi 5°C in più sono dovuti proprio al riscaldamento adiabatico dovuto all’effetto favonico, ma in realtà affluirà una massa d’aria più fredda e molto più secca. Infatti nella notte tra mercoledì e giovedì quando il vento tenderà a calare e i cieli saranno tersi, le temperature caleranno sensibilmente portandosi anche sotto i 10°C, con punte anche di 6°C nelle zone più fredde.

Nel frattempo il minimo barico innescato dalla ciclogenesi si sposterà verso SE. Perderà la sua natura orografica e diventerà dinamico. Nella giornata di giovedì il minimo percorrerà l’Adriatico, con rovesci e temporali che interesseranno le regioni del versante Adriatico e buona parte del Sud-Italia. Sul versante Tirrenico e Sardegna le fresche e secche correnti di Maestrale renderanno i cieli limpidi e tersi, anche se le ventilazione sarà piuttosto sostenuta.


Venerdì il minimo si allontanerà verso i Balcani, con residui fenomeni sulle regioni del medio-versante Adriatico.

Commenti (0)
Commenta
Your Contact Details:
Commento:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img]   
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
Security
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

!joomlacomment 4.0 Copyright (C) 2009 Compojoom.com . All rights reserved."

 



Joomla! - PAVIAMETEO - © Copyright Tutti i diritti riservati [2007-2017] - Sito ideato ed a cura di TOMMASO GRIECO - E-mail: grieco@paviameteo.it